Libri volanti #3 – Il fuorigioco mi sta antipatico

di Silvano Calzini 9788872269596_0_0_300_75

Calcisticamente parlando il 1970 è stato un anno memorabile. A fine aprile il Cagliari di Gigi Riva vince il campionato, conquistando uno scudetto il cui valore simbolico ha travalicato i confini dei campi di calcio. A giudizio di molti è con quella vittoria che la Sardegna ha spezzato in modo definitivo le catene del suo isolamento ed è entrata a far parte a pieno titolo dello Stato italiano. A giugno, ai Mondiali in Messico, la nazionale azzurra riscatta una serie infinita di fallimenti e delusioni e con la leggendaria semifinale contro la Germania fa impazzire tutta l’Italia. E come se non bastasse a fine settembre Gianni Brera sospende la sua rubrica di posta sul «Guerin Sportivo», quello vero, novecentesco, che usciva nel formato lenzuolo dei quotidiani di allora, e cede il posto a Luciano Bianciardi, che raccoglie il testimone e comincia a rispondere ai lettori alla sua maniera.

Il fuorigioco mi sta antipatico è la raccolta di quella rubrica, con le domande dei lettori e le risposte di Bianciardi, che prende la palla al balzo e parte dal calcio e dallo sport per parlare di tutto quello che gli pare. Da Rivera al divorzio, da Facchetti al Risorgimento, da Nereo Rocco a Fanfani, da Helenio Herrera a Giorgio Bassani e così via. Senza freni e senza limiti. Come piaceva a lui.
Nelle risposte ai lettori Bianciardi parla di tutto: sport, letteratura, storia, cinema, politica, sesso. Basta aprire il libro a caso e leggere. Per esempio a pagina 42, rispondendo a tale Angelo Comini di Salerno, come se fosse niente ti mette lì una palla con il contagiri che neanche il miglior Rivera: «Lei sa chi fosse il povero Jack Kerouac, vero? Ebbene Giancarlo Fusco, obiettivamente, lo contiene tre volte, con l’avanzo di due. Solo che Fusco le cose più belle non le scrive, le racconta al caffè».

Ancora un paio di esempi per capirci:

26 ottobre 1970
Illustre Bianciardi, vorrei una definizione telegrafica dei seguenti personaggi: 1) Helenio Herrera, 2) Mike Bongiorno, 3) Giorgio Bocca, 4) Gianni Brera, 5) Dacia Maraini. Grazie

                                                       Federico Cibelli – Foggia

«Signor Cibelli, telegraficamente le rispondo: 1) Un barbiere che si è dedicato al calcio; 2) La mediocrità fatta televisione; 3) Un reduce di sinistra; 4) Un letterato che ha l’hobby dello sport; 5) L’unica Dacia consentita a uno scrittore italiano.»

15 maggio 1971
Mi faccia, per favore, la nazionale italiana formata da scrittori viventi, con votazione (stellette dall’1 al 5, come usa il “Guerin Sportivo”) e mi dia una spiegazione tecnica della attribuzione dei ruoli a ciascun componente della squadra

«Ecco la formazione. Mettiamo in porta Giorgio Bassani (**), che fa del suo meglio per ‘parare’ i vandali di casa nostra. Giovanni Arpino (***) farà il terzino d’ala, e come lui Mario Soldati (***). Sono due ottimi oriundi: jugoslavo il primo, piemontese il secondo. Come stopper sceglierei Alberto Bevilacqua (*), ottimo nella marcatura di editori, critici, amici. Libero? Sicuramente Libero Bigiaretti (***). Il mediano di spinta sarà Alberto Moravia (**), che spinge i suoi libri con una possa inesauribile. Centrocampista, con la maglia numero 7, cioè travestito da ala, Alberto Arbasino (*). Felicissimo nei travestimenti. All’attacco, punta avanzata, con la maglia numero 11, Giuseppe Berto (***), che somiglia molto al Riva messicano. Numero otto, Bianciardi (***), con incarichi di spola fra Rapallo e Milano. Altra punta, col nove, Oreste del Buono (***), piccolo ma ficcante. Daremo infine il numero dieci a Giancarlo Fusco (****), che ha una fidanzata del ’10. Voglio dire, nata nel 1910, dopo Cristo.»

Il libro è una goduria e fa bene al corpo e alla mente. Solo un paio di note per inquadrarlo meglio. La rubrica di posta di Bianciardi comincia il 28 settembre del 1970 e va avanti fino alla sua morte, anzi l’ultima uscita è quella del lunedì successivo alla sua scomparsa, 15 novembre 1971. Dunque è il suo ultimo anno di vita, quello più tragico, durante il quale Bianciardi le poche volte che esce di casa si trascina per le vie di Milano disfatto dall’alcool e dalla solitudine. Per molti versi è un morto che cammina, eppure le sue parole anche a quasi cinquanta anni di distanza hanno una carica di intelligenza e di ironia a dir poco travolgente. Leggetelo!

[Luciano Bianciardi, Il fuorigioco mi sta antipatico, Stampa Alternativa, Roma 2006]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...