L’arbitro Giustino

di Gianni Rodari

L’arbitro Giustino è inappellabile, come tutti gli arbitri. Anche quando sbaglia, bisogna rispettarlo e ubbidirgli prontamente.
Che tremenda responsabilità.rodari_errori
Oggi egli non è in buona giornata. Il suo fischietto trilla a casaccio, facendo impazzire i giocatori e la folla.
In questo momento, invece che un «calcio d’angolo», il fischietto dell’arbitro Giustino ha fischiato un «calcio d’angelo».
— E come facciamo a tirarlo? — domandano i nostri avversari.
— Arrangiatevi, — dice l’arbitro.
Un calciatore è costretto ad attaccarsi un paio d’ali alla maglia per calciare il pallone. Lo tocca appena col piede e il pallone vola al disopra delle tribune, si perde in cielo, bisogna metterne in campo un altro.
Il gioco riprende e per qualche minuto tutto va liscio. Poi il terribile fischietto del signor Giustino fischia un «ricore». Purtroppo, stavolta, a nostro danno.
— Vorrà dire un rigore, con la «g»? — domandano disperati i nostri giocatori.
— Quel che ho detto ho detto, — risponde Giustino. — Io sono inappellabile.
Il «ricore», con la «c», è un castigo spaventoso, perché è composto di tre calci di rigore uno dopo l’altro.
I giocatori si inginocchiano ai piedi dell’arbitro, gli baciano la giacca di seta nera, gli lucidano il fischietto.
— Per favore, ci cambi la consonante!
Il pubblico grida: — Venduto! Prenditi la tua «c» e vattene.
Il pubblico, si sa, non ragiona. Allo stadio non ci va per ragionare ma per gridare. Ma l’arbitro non si tocca. La folla piange in coro, e le lagrime scendono a ruscelli dalle gradinate, allagano il campo…
Non c’è niente da fare. Il «ricore» ci costa tre gol. Addio partita, addio scudetto. Certi errori si pagano cari, specialmente se sono errori altrui.

[L’arbitro Giustino è un racconto che compare nel Libro degli errori di Gianni Rodari (con i disegni di Bruno Munari, edito per la prima volta da Einaudi nel 1964.]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...