Raboni e la zona Cesarini

di Silvano Calzini

Giovanni Raboni, poeta, critico e traduttore, amava il calcio e per molti anni ha seguito, in compagnia dell’amico e anche lui poeta Vittorio Sereni, le partite dell’Inter dalle gradinate di San Siro. Giovanni_Raboni_1988Tra i ricordi che gli hanno fatto compagnia per tutta la vita ha sempre citato il suono di un colpo di testa di Angelillo. Uno stumpf destinato a conficcarsi nella sua mente in modo indelebile.
La poesia Zona Cesarini descrive un gol sventato nell’ultima convulsa azione di una partita e lo stesso gol invece realizzato negli schemi preparati dal Mister il giorno prima nella quiete del ritiro quando tutto sembrava possibile. Come nella vita, quello che poteva essere e non è stato.

Zona Cesarini

Il tiro, maledizione, ribattuto
sulla linea nell’ultima convulsa
mischia a portiere
nettamente fuori casa, fuori causa, col dito
mignolo, con la spalla, con l’occipite, con
la radice del naso
dell’avversario accorso, guarda caso,
da metà campo – o forse (chi capiva
più niente con quel buio) dal compagno
che va in cerca di gloria
a scapito evidente degli schemi
non più tardi di ieri ribaditi
nella fantastica pace del ritiro
dal mister quando ancora
tutto, anche vincere, anche
azzeccare questo tiro teso, radente, tra decine
di gambe e lentamente
spalancando la bocca
correre verso il centro, rotolarsi
nell’erba, in lenta muta sfida stendere
le braccia al cielo era possibile…

(da Giovanni Raboni, Nel grave sogno, Mondadori, Milano 1982)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...