Non si ammazzano così i campionati

di Silvano Calzini

Alfred Hitchcock non avrebbe potuto fare di meglio. L’ultima giornata della Premier League 2011-12 è stata da brivido, con il Manchester City che al novantesimo perdeva in casa con il Queen Park Rangers e stava gettando alle ortiche un titolo che aspettava da quarantaquattro anni. Poi con due gol nei minuti di recupero gli uomini di Mancini hanno capovolto la situazione e si sono portati a casa la Premier grazie alla migliore differenza reti sui cugini dello United. mancity-1«Tutto molto bello» per dirla alla Bruno Pizzul. E avrebbe ragione. Però, come diceva quel politico italiano un po’ curvo che è mancato alcuni anni fa: «A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina». Sì, perché se dobbiamo raccontare l’ultima giornata della Premier League di quell’anno, allora raccontiamola tutta. Oltre al primo posto c’era in ballo anche la retrocessione, che coinvolgeva direttamente il QPR e il Bolton che giocava sul campo dello Stoke City.

Facciamo un po’ di cronaca. Alla fine del primo tempo il Bolton vince 2 a 1 ed è salvo perché il QPR sta perdendo a Manchester. Poi però nei primi venti minuti della ripresa capovolge clamorosamente il risultato. Adesso il QPR è salvo e si batte con le unghie e con i denti mentre invece il City annaspa ed è a un passo dal dramma. A tredici minuti dal termine però lo Stoke City pareggia e il Bolton affonda definitivamente. All’improvviso ai Rangers del Parco della Regina viene il latte alle ginocchia e si fanno infilare due volte nei minuti di recupero. Manchester City campione, QPR salvo e Bolton retrocesso. È venuto anche a voi qualche retropensiero? Ma dai, cosa andate a pensare. Siamo in Inghilterra, la patria del fair play e del God Save the Queen (Park Rangers?). Comunque, chi aveva qualcosa da dire non ha parlato allora e ha deciso di tacere per sempre.

Quel 13 maggio del 2012 resta una giornata di meravigliosa follia calcistica che però ha lasciato a molti appassionati l’amaro in bocca. Se due squadre finiscono il campionato a pari punti non sarebbe più giusto, più bello, più emozionante, più tutto che si giocassero il titolo tra di loro, faccia a faccia in una partita secca, e non in base a qualche gollonzo in più o in meno segnato mesi prima e che nessuno ricorda più?

Ci pensate? In the sunshine of Wembley Manchester United contro Manchester City, Red Devils contro Citizens, Ferguson contro Mancini, Rooney contro Aguero. Mica male, direi! Una specie di Superbowl elevato alla potenza, se è vero che la Premier League inglese è il campionato di calcio più seguito al mondo e a livello televisivo vale quanto un’Olimpiade o un Campionato del mondo di calcio, con la differenza che dura nove mesi.
Dal punto di vista del business il campionato inglese è una vera e propria macchina da guerra. Stupisce che abbiano rinunciato a un’occasione del genere se si pensa a come lavorano per vendere il loro prodotto. Avete presente il campionato italiano con le partite che vengono spostate, di orario e di data, ogni settimana per le esigenze più disparate? Ecco, la Premier è tutta un’altra roba. Lì ogni anno prima dell’inizio della stagione stabiliscono le date di tutto il calendario, con orari, anticipi, posticipi, e non lo cambiano più, cascasse il mondo. Il risultato è che le televisioni di tutti i paesi possono acquistare i diritti e programmare con l’anticipo di mesi i loro palinsesti sportivi senza nessun timore di vedersi spostare l’evento all’ultimo minuto. È così che la Premier ha conquistato i mercati televisivi di mezzo mondo.
Certo che però quella brusca chiusura della stagione 2011-12 ha lasciato un po’ il sapore dell’incompiuta. È come se sul più bello di uno spettacolo o di una festa arrivasse qualcuno che di colpo spegne le luci e manda tutti a casa. E che cavolo, non si fa così!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...