Neuro2020 – Girone B – Finlandia-Russia

di Emiliano “el buitre” Fabbri

Stoccolma, 30 giugno 1912

FINLANDIA-RUSSIA

Quando si parla di precedenti della nazionale russa tutti fanno i conti con la nazionale sovietica attiva dal 1924 al 1991, da cui ha raccolto l’eredità, ma pochi ricordano che esisteva una nazionale russa ancor prima di quella sovietica. E quella nazionale fece il suo esordio ufficiale il 30 giugno 1912. Alle dieci di mattina. 1912S_poster_bErano le Olimpiadi di Stoccolma, quando la Coppa Rimet doveva ancora nascere e un’olimpiade valeva un mondiale. Quella domenica mattina davanti a duecento spettatori stipati nelle due tribunette dello stadio Tranebergs Idrottsplats si giocavano i quarti di finale, e di fronte ai russi c’era la nazionale finlandese, che aveva un’esperienza internazionale di otto mesi e tre gare in più. A quel tempo la Finlandia era un granducato autonomo proprio dell’Impero Russo, e stava attraversando gli anni della “grande oppressione” culminati con la proclamazione d’indipendenza del 6 dicembre 1917, un mese dopo la nascita della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa. Per questo quella gara valeva molto di più di un semplice passaggio in semifinale. Oltretutto la Finlandia aveva dovuto affrontare il turno di qualificazione il giorno precedente, quando aveva battuto ai supplementari l’Italia di Vittorio Pozzo, che dopo quella sconfitta rassegnò le dimissioni e tornò a lavorare alla Pirelli, per poi risedersi sulla panchina azzurra nove anni dopo.

Finlandia e Russia erano schierate in campo con il primo modulo tattico della storia: la “Piramide”, una sorta di 2-3-5. Alla mezz’ora del primo tempo è Bror Wiberg, attaccante dell’Helsingfors IFK, a portare in vantaggio i finnici. Il pareggio russo arriva al 72′ ad opera di Vasilij Pavlovič Butusov, attaccante del San Pietroburgo. Quando mancano solo dieci minuti al triplice fischio, Jarl Öhman, attaccante dell’HIFK, sigla il gol che chiude il match e porta la nazionale del Granducato di Finlandia in semifinale, dove prenderà quattro gol dal Regno Unito futuro campione olimpico, e ben nove dai Paesi Bassi nella finalina. A zero.

Ma quello che conta è che in quella domenica mattina del 30 giugno 1912, in terra svedese, gli oppressori russi sono battuti. La nazionale finlandese ancora non lo sa, ma quello sarà il risultato più alto mai raggiunto nella sua storia calcistica. Fino ad ora.

 

Finlandia-Russia 2-1
30′ Wiberg, 72′ Butusov, 80′ Öhman

Finlandia: Syrjäläinen, Löfgren, Holopainen, Lund, Lietola, Soinio, Wickström, Wiberg, Öhman, Nyyssönen, Niska
Russia: Favorsky, Sokolov, Markov, Akimov, Kynin, Khromov, S. Filippov, A. Filippov, Butusov, Zhitarev, Smirnov

 

Un pensiero riguardo “Neuro2020 – Girone B – Finlandia-Russia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...