Neuro2020 – Girone F – Francia-Georgia

di Gianvittorio Randaccio

Parigi, 22 marzo 2013

FRANCIA-GEORGIA

AVVERTENZA: nella seguente cronaca non è mai stato utilizzato il termine transalpino

Nella primavera del 2013 un caso tiene banco poco prima di Francia-Georgia per le qualificazioni mondiali, quello di Karim Benzema, croce e delizia della nazionale francese. 301f8f46-5852-11e8-9f2b-7afb418fb0c0
Il Fronte Nazionale, Marine Le Pen in testa, chiede che Benzema non venga più convocato in nazionale perché il ragazzo non canta l’inno, ma l’attaccante risponde a muso duro: «Non possono costringermi a cantare la Marsigliese. Non l’ho mai fatto e non è certo cantando l’inno nazionale che segnerò una tripletta». Neanche Zidane lo cantava, aggiunge Benzema, pensando di migliorare la situazione. Difficile giustificarlo, ribadisce però Eric Domard, sempre del Fronte Nazionale, «Benzema è un mercenario che guadagna 1.484 euro all’ora. Cantare la Marsigliese è un dovere per qualsiasi atleta, quando si ha l’onore di rappresentare il paese ad alti livelli. Condanniamo questo comportamento insultante.»
Benzema, tra l’altro, non segna in nazionale da più di novecento minuti e questo sicuramente non aiuta a rasserenare gli animi.
Così come non aiuta l’incidente avvenuto poco prima della partita tra Giroud e lo stesso Benzema, che si sono scontrati a un incrocio nei pressi dello stadio St. Denis. Giroud guidava il suo gokart, Benzema la sua McLaren F1: per un errore di distrazione pare che Benzema abbia speronato il gokart di Giroud, facendolo finire contro un marciapiede. I due hanno litigato ferocemente, ma Giroud è riuscito ad arrivare alla partita in orario, mentre Benzema solo appena prima del fischio d’inizio, a causa della sostituzione di un alettone. È da questo episodio che ha origine la polemica tra i due bomber francesi che ancora oggi infiamma le cronache dei giornali.6371905._SY475_
Insomma, è un periodo nero per Benzema, che sembra un po’ Malaussène, il protagonista dei romanzi di Daniel Pennac, di professione capro espiatorio. Se le cose stasera per la Francia dovessero andare male probabilmente l’altoparlante dello stadio St. Denis di Parigi diffonderebbe l’annuncio «il signor Benzema è desiderato dall’Ufficio Reclami…», proprio come all’inizio del Paradiso degli orchi.
Ma le cose non vanno male, anche perché la Georgia non è avversario che possa preoccupare più di tanto. La Francia vince agilmente 3-1 con i gol dello stesso Giroud (che assapora così una prelibata vendetta), Valbuena e Ribery. mentre per i georgiani accorcia le distanze Kobakhidze. Da segnalare, comunque, le tre chiare occasioni da gol fallite proprio da Malaussène-Benzema e l’esordio in nazionale di Raphael Varane, difensore francese del Real Madrid.

 

 

Francia – Georgia 3-1
45’ Giroud, 47’ Valbuena, 61’ Ribery, 71’ Kobakhidze

Francia: Lloris, Jallet, Clichy, Varane, Sakho, Ribery (Menez 78’), Valbuena (Remy 66’), Pogba, Matuidi (Sissoko 67’), Giroud, Benzema

Georgia: Loria, Lobjanidze, Kvirkvelia, Kashia, Amisulashvili, Khizanishvili, Targamadze (Gelashvili 84’), Kobakhidze, Daushvili, Ananidze (Kenia 46’), Vatsadze (Dvalishvili 73’)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...