Ciao_L’Italia del Novanta_26 giugno

di Antonio Gurrado

26 giugno 1990

Alla vigilia dello sciopero dei metalmeccanici, Achille Occhetto annuncia che l’ultimo congresso del Pci si terrà all’inizio dell’anno successivo, per dar vita a una nuova forza politica di sinistra non più comunista. francesco-de-lorenzo-internaA seguito della notizia, in Urss Eltsin fa rinviare il congresso del Pcus e negli Stati Uniti la polizia della Florida manda al rogo il disco della banda rap “2 Live Crew”. E, mentre viene calcolato che il gettito Irpef sarà inferiore alla stima minima messa in conto dallo Stato, il procuratore generale della Corte dei Conti fa notare che la costruzione delle opere in occasione dei Mondiali ha comportato costi elevatissimi non preventivati, incrementando il fardello della finanza pubblica ma soprattutto il rischio di una pervasiva invasione da parte della criminalità organizzata. Poiché tutto sta a come si fanno i calcoli, il ministro della Sanità Francesco De Lorenzo stabilisce che d’ora in poi il limite massimo di dose media giornaliera di sostanze stupefacenti dev’essere ridotto al minimo.

Idem, tutto sta a come si sfruttano i supplementari. A Verona la Jugoslavia decide che basta il minimo sindacale. L’ottavo con la Spagna è in perfetto equilibrio fino all’ottantesimo, quando Stojkovic, il Maradona slavo (o, secondo altri, il Maradona sfaticato) con un gioco di prestigio fa piombare Zubizarreta sul deretano e lo infila di precisione; subito dopo, però, un tocco ravvicinato di Salinas determina il pareggio e il prolungamento. Che dura ben poco, però, o meglio viene subito sbrigato da una punizione di Stojkovic (il Maradona part-time) che dopo due minuti aggira la barriera su punizione e sigla il goal decisivo con una mezz’ora d’anticipo sulla fine.

A Bologna l’Inghilterra decide di tirare allo stremo le coronarie dei tifosi. L’ottavo con il Belgio è un lento tuonare dei diavoli rossi, che prendono un palo con Ceulemans nel primo tempo e uno con Scifo nel secondo. La porta del vecchio Shilton, come si suol dire, sembra stregata: zero a zero e supplementari anche qui, per la gioia dei telespettatori che lamentano il poco calcio in tv. Ne segue una mezz’ora straziante. Il Belgio ha dato fondo a tutte le energie e l’Inghilterra non sembrava averne dal fischio d’inizio; le due squadre vedono via via scemare le forze e la voglia d’attaccare, rassegnandosi ai calci di rigore. O forse è una strategia sottilissima, machiavellica, dell’Inghilterra che appare rinunciataria e prona fino a che, sfibrati gli avversari, al centoventesimo minuto David Platt si avventa in semirovesciata su una palla vagante e la infila dal lato opposto a quello in cui Preud’homme l’aspetta. Poi l’arbitro fischia e il Belgio è eliminato.

Sempre in extremis, sospiro di sollievo a Napoli, dove cessa l’allarme colera lanciato da una frettolosa ricerca eseguita su acque lacustri da un gruppo di quaranta giovani biologi disoccupati, che restano tali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...