Neuro2020 – Quarti di finale – Italia-Croazia

di Silvano Calzini

Kashima 8 giugno 2002

ITALIA-CROAZIA

Siamo a Kashima, prefettura di Ibaraki. Inutile dilungarsi a parlare della città. Chi non conosce come le sue tasche Kashima? Andiamo piuttosto a questo Italia-Croazia. Pronti, via e ci mettiamo subito tutti in difesa. A difendere che cosa? Non si sa. Intanto ci difendiamo. Ci penserà poi lo stesso Trapattoni a spiegare questa scelta tattica nel post partita in sede di conferenza stampa. Naturalmente lo farà in puro trapattonese: «La difesa è come la spugna che assorbe l’acqua, poi quando esce la goccia che fa traboccare il vaso l’uccellino nella gabbia si autosuicida e fa cip cip». Pura logica aristotelica che spazza via ogni dubbio.

10cal06f1a_mediagallery-page

Intanto se l’Italia si difende la Croazia attacca e bisogna ringraziare Buffon che sventa un paio di pericoli. Poi, come da regola fissa a ogni Mondiale, si infortuna Nesta sostituito da Materazzi, che entra giusto in tempo per fare un salvataggio sulla linea. Boksic semina il panico più volte, ma come è noto sa fare tutto meno che segnare. E così finisce il primo tempo. La ripresa comincia nel modo migliore per gli azzurri: al 5’ Zambrotta scende sulla sinistra, crossa e Vieri di testa insacca. L’arbitro inglese Poll annulla, ma resta qualche dubbio. In ogni caso dopo cinque minuti l’Italia praticamente fa un replay: questa volta è Doni che mette al centro e Vieri fa il bis sempre di testa. Uno a zero. Il massimo risultato con il minimo sforzo.
Appena passati in vantaggio gli azzurri si rimettono a difendere come e più di prima, ma almeno adesso sanno che cosa difendono. Sembra la situazione ideale e invece in quattro minuti i croati ribaltano il risultato; prima al 27’ con Olic che approfitta di una pennichella dei nostri difensori e poi al 31’ con Rapaic che, svirgolando una semirovesciata, tira fuori dal cilindro un pallonetto imprendibile. Una via di mezzo tra un golasso e un gollonzo. Nell’ultimo quarto d’ora gli azzurri combinano più che in tutto il resto della partita. Totti colpisce un clamoroso palo interno su punizione e Trapattoni fa violenza su stesso togliendo, udite udite, un centrocampista, Doni, per mettere un attaccante, Inzaghi. E in pieno recupero Super Pippo segna il gol del pareggio alla sua maniera sfiorando appena il pallone, ma Poll annulla per una precedente dubbia trattenuta. Finisce così tra le proteste furiose degli italiani.
Lasciamo il commento finale a Trapattoni: «Direi… non è la prima partita, io direi che non è, anzi, forse, se andiamo a vedere, sicuramente una delle più numerose partite giocate così. Se poi vogliamo fare gli struzzi, per non dire un’altra parola simile a struzzi, liberissimi di farlo».
Da Kashima, prefettura di Ibaraki, è tutto.


Italia-Croazia 1 -2
Vieri 55’; Olic 73’; Rapaic 76’.

 Italia: Buffon, Panucci, Nesta (Materazzi 24’), Cannavaro, Maldini, Zambrotta, Tommasi, Zanetti, Doni (Inzaghi 79’), Totti, Vieri.

Croazia: Pletikosa, Tomas, Kovac R., Simunic, Saric, Soldo (Vranjes 62’), Kovac N., Jarni, Vugrinec (Olic 67’), Boksic, Rapaic (Simic 79’).

Arbitro: Poll (Inghilterra).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...