Ciao_L’Italia del Novanta_6 luglio

di Antonio Gurrado

6 luglio 1990

Il settimo e ultimo giorno di riposo dei Mondali è utile a fare il punto sul futuro, incompiuto al momento in cui scrivo. L’Inghilterra tornerà alla civiltà. La bella prova offerta dalla nazionale e il fair play di una maggioranza di tifosi, che ha costretto in assetto antisommossa buona parte delle città italiane in cui sono passati, vale la riammissione delle società inglesi alle coppe europee, da cui erano state squalificate cinque anni prima a seguito della mattanza dell’Heysel. manchester-coppacoppe-1990-91-wp-777x437Già l’anno dopo ricorderanno di che pasta sono fatte vincendo la Coppa delle Coppe col Manchester United; passo dopo passo, diventeranno l’eldorado del pallone, scippando a quello italiano il titolo di campionato più bello del mondo e colonizzando i quattro posti da finalista nelle due coppe europee residue durante l’ultima stagione calcistica normale. Un tentativo di porre un freno alla continentalizzazione del calcio inglese, o forse di ribadire politicamente la supremazia dell’isola (non è chiaro), verrà portato avanti con una consultazione popolare che stabilirà l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, nella quale era entrata a patto di conservare la propria moneta, i propri confini e la guida dal lato giusto della strada.

L’Argentina sarà Maradona fino a che non diventerà Papa Francesco. Nel dettaglio, la nazionale si aggrapperà all’idolo anche durante i successivi Mondiali, vedendolo poi bandito per un controllo antidoping dov’era stato accompagnato mano nella mano da una pingue infermiera di Foxborough, Massachussets. Il resto della storia calcistica del paese verrà trascorso nel tentativo di trovare un sostituto all’altezza del diez: Ortega, Riquelme, d’Alessandro, Saviola e Aimar sono i principali nomi della Spoon River, fino a culminare in Leo Messi, il quale non si rivelerà capace né di vincere un Mondiale (nel 2014 l’Argentina ritroverà in finale la Germania) né di usare adeguatamente le mani; i maligni maligneranno che l’unica cosa veramente in comune fra i due campioni sia la cartella esattoriale, battuta di cui non capisco il senso e da cui mi dissocio immediatamente. Il trono rimasto vacante causerà una delle più gravi crisi economiche della storia, che avrà l’effetto di equiparare il valore dei bond argentini a quello degli eredi di Maradona.

In Germania tutto procederà secondo il piano. Campioni del Mondo nel 1990. Campioni d’Europa nel 1992, salvo il disguido che la Danimarca si presenterà a giocare l’Europeo senza essersi regolarmente qualificata e ciò disorienterà i tedeschi al punto da far perdere loro la finale. Campioni d’Europa nel 1996. Borussia Dortmund vincitore della Champions League nel 1997; Bayern Monaco vincitore della medesima nel 2001 e nel 2013, oltre che nel 1999, salvo il disguido che l’arbitro non fischierà la fine della finale al novantesimo esatto e ciò disorienterà i tedeschi al punto da vedersi rimontare dal Manchester United, 1-0 prima dei minuti di recupero, 1-2 dopo i minuti di recupero. Campioni del Mondo nel 2002, salvo il disguido che Ronaldo apparirà in finale con la testa rasata esattamente come una brasiliana, cioè proprio come quella cosa lì, e ciò disorienterà i tedeschi e in particolare Oliver Kahn che subirà due goal da pollo. Campioni del Mondo del 2006, salvo il disguido che in semifinale Pirlo guarderà dal lato opposto a quello verso cui serve l’assist a Grosso, e ciò disorienterà i tedeschi al punto da fargli prendere un altro goal un minuto dopo. Campioni del Mondo nel 2014, grazie al decisivo apporto di Messi nella nazionale Argentina. Presidenza di turno dell’Unione Europea dal luglio 2020. Eccetera eccetera.

L’Italia non si risolleverà mai più dallo choc di aver organizzato i Mondiali. Un tentativo più in piccolo, come paese ospitante del trofeo Under 17 l’anno successivo, sortirà risultati financo peggiori, con la nazionalina eliminata quasi subito. La nazionale non riuscirà a qualificarsi ai successivi europei; tempo due anni, e i partiti al governo quell’estate di fatto non esisteranno più. L’ipotesi di organizzare le Olimpiadi a Roma verrà dapprima preclusa dal Cio, quindi dal Movimento Cinque Stelle; la prospettiva di ospitare alcune partite degli Europei all’Olimpico sarà rinviata a seguito di una pandemia; si guarderà con preoccupazione alle congiunzioni astrali in occasione delle Inverniadi di Milano e Cortina nel 2026. Screenshot-7Le squadre di club, che avevano trionfato in tutte le coppe europee nel ’90 (inclusa la Mitropa Cup del Bari in finale sul Genoa), nel ’91 vedranno ridurre il proprio appeal alla sola Coppa Uefa (esclusa la Mitropa Cup del Torino in finale sul Pisa) e di lì, anno dopo anno, tenteranno di ripetere la tripletta senza mai riuscirci; tanto più che, a partire dall’apocalittico anno 2000, la Coppa delle Coppe sarà abolita mentre le squadre italiane rinunceranno a partecipare alla Coppa Uefa nelle sue varie evoluzioni, schierando di volta in volta dei figuranti mascherati con le divise sociali. Parziale rivalsa, la vittoria ai Mondiali del 2006 non sarà registrata sugli albi d’oro poiché ottenuta da una nazionale imperniata sul nucleo di una squadra condannata alla retrocessione in Serie B per illecito sportivo, dando al Belpaese l’invidiabile primato dell’onestà. Totò Schillaci diventerà preziosissima star di reality show; Roberto Mancini diventerà ct della nazionale per evidente contrappasso; Walter Zenga diventerà allenatore del Catania, del Palermo, del Crotone, del Venezia e del Cagliari come punizione per l’uscita sciagurata su Caniggia; Azeglio Vicini, in una calda sera del settembre 1990, cadrà dal balcone di casa piombando in pigiama sui clienti della sottostante pizzeria, a Cesena. Il tendone attutirà l’impatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...