Il Pallonario (9-15 novembre)

9 novembre. Un giornalista in incognito del «News of the World» ha filmato il padre di John Terry mentre gli vendeva 3 grammi di cocaina per 120 sterline nel bagno di un wine bar di Chafford Hundred, cittadina dell’Essex a 35 chilometri ad est di Londra. Solo pochi mesi prima il capitano del Chelsea aveva visto la madre (separata da alcuni anni dal marito) arrestato insieme alla suocera per aver rubato vestiti in un supermercato per 800 sterline. (2009) 

10 novembre. L’appello dei calciatori magiari bloccati a causa degli eventi politici a Vienna rivolto alle società italiane perché vogliano giocare degli incontri amichevoli non è rimasto senza risposta. Risulta infatti che il Milan, l’Inter, l’Atalanta, il Simmenthal Monza, la Triestina, il Genoa e la Sampdoria hanno allo studio per la prossima settimana di organizzare delle partite con la squadra magiara. I proventi di tali incontri dovrebbero permettere la forzata permanenza all’estero dei calciatori ungheresi. (1956)

11 novembre. L’ufficio stampa dell’Inter comunica che l’incontro per la Coppa dei Campioni in programma domani sera a San Siro con la Dinamo di Bucarest, come già precisato alla RAI TV, non sarà trasmesso per radio nè per televisione in diretta, nè vi sarà una teletrasmissione differita. (1964)

12 novembre. Ecco i protagonisti del  fatto calcistico di  queste settimane: un giocatore e una capra. Manca il prosciutto che completava l’ingaggio ma forse se lo sono già mangiato. Era, comunque, l’altra metà del prezzo pagato dalla società sarda Saulese per acquistare dalla conterranea Dolianova il ventisettenne Giuseppe Murgia. È stato un acquisto simbolico, hanno tenuto a precisare i presidenti delle due squadre, Ignazio Porru ed Ennio Podda. Una specie di protesta contro le cifre da capogiro che stanno diventando cattiva abitudine anche nel mercato dei calciatori dilettanti. Murgia, intanto, si allena scherzosamente con la capra mentre i tifosi locali si sono presi la briga di fare un po’ di conti. Visto che l’estate scorsa un altro calciatore dilettante, Aldo Rumbolo, era stato ceduto a una squadra sarda, in cambio di alcune cassette di vino isolano, hanno calcolato che se l’acquisto di Virdis fosse stato trattato in litri anziché in lire, la Juventus avrebbe dovuto spedire al Cagliari quarantamila ettolitri di vino; più o meno 150 autocisterne. O, se preferite, tre chilometri ininterrotti di TIR carichi di vino. (1977)

13 novembre. John Hansen, la mezz’ala danese acquistata dalla Juventus, giocherà domani per l’ultima volta nelle file della sua vecchia società, il Frem, che incontra l’undici dell’A.B. a Copenaghen. La cessione di Hansen alla società torinese costituisce l’epilogo di un episodio iniziato a Londra, allorché la nazionale di Danimarca dette spettacolo di bel gioco. Il longilineo interno impressionò così favorevolmente i tecnici italiani che i compagni di squadra osservarono scherzosamente: «Tienti pronto John, tra poco ti manderanno a chiamare dall’Italia». Essi non immaginavano che lo scherzo era in realtà una profezia. J. Hansen partirà per Torino giovedì prossimo. (1948)

14 novembre. Una nuova figura fra i dipendenti pubblici? Il centravanti comunale. Ad Annone Veneto i dirigenti dell’Annonese calcio, una squadra indebitata col Comune, hanno offerto in pagamento al sindaco un giocatore… L’Annonese è una società sportiva con una squadra in seconda categoria dilettanti e un ricco settore giovanile, 167 bambini che si allenano e giocano gratis. Ora il Comune ha fatto i conti e batte cassa: vuole 3.400.000 lire per la corrente consumata dei riflettori nel 1995 e una cauzione di 4 milioni per le spese future. La società non li ha né intende pagarli perché «la delibera con cui era stato concesso l’impianto parlava di un uso gratuito». Da ieri, di conseguenza, può disporre del campo solo di giorno. Esasperato, il segretario della Annonese, Gianfranco Costini, ha lanciato la proposta di pagamento “in natura”. Sorride il sindaco, Elio Verona: «Proposta rifiutata. Primo, non me ne faccio nulla. Secondo, è una manovra politica: Costini è anche il capogruppo dell’opposizione». (1996)

15 novembre. È il grande incontro cittadino, la battaglia dei due clubs più forti, quella attesa con ansia da tanto tempo. I nero-azzurri e i rosso-neri non si sono quest’anno mai incontrati. Sulla forma dei suoi incontri col Genova e con la Pro Vercelli, l’Internazionale lascerebbe presumere una sensibile superiorità sul Milan. Certo come complesso di giuoco scientifico lo supera. Ma la scienza non basta sempre per vincere un match e il Milan sta ritrovando, di partita in partita, la proverbiale foga da cui ebbe già tanto frutto di vittorie. Il FC internazionale ci prega di avvertire che il match avrà luogo, come sempre, all’Arena,  non essendo ancora pronto il nuovo campo dei nero-azzurri. Il match avrà inizio alle ore 15  circa. I prezzi vennero così fissati: Pulvinare lire 3, Spalti popolari lire 1. (1912)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...