La Disparition – Il Fantacalcio senza la “e” #8

Sostiene Pereyra, Roberto per l’anagrafe, argentino in forza all’Udinese, che quella notte non aveva dormito benissimo, si sentiva inquieto, agitato, come se qualcosa che non riusciva a definire bene lo attanagliasse, gli togliesse la tranquillità, e invadeva il suo sonno, disturbandolo e proiettando ombre scure e impenetrabili. A un certo punto si era alzato, aveva bevuto una limonata, aveva letto qualche riga di Balzac ed era tornato a letto, poco convinto.
Il giorno dopo la sua squadra, la Margot United, avrebbe sfidato La Disparition, la temibile compagine senza la “e”, e lui temeva di non essere all’altezza, di rimanere invischiato nelle maglie di quel centrocampo che solo la settimana prima aveva sovrastato quello del Real Catagna.


Sostiene Pereyra che forse per quello la sua prestazione contro il Crotone non era stata indimenticabile e che nemmeno l’assist di Berardi e il gol di Immobile l’avevano poi tranquillizzato, che sentiva ancora qualcosa di indefinibile dentro, come un alito di paura che gli soffiava continuamente sul collo, mozzandogli quasi il respiro. E la domenica non era andata meglio, anche se La Disparition aveva gettato al vento una grande occasione con Musa Barrow, che prima aveva segnato da centrocampo e poi aveva fallito un rigore, ammosciandosi come una mozzarella proprio nel momento decisivo.


Sostiene Pereyra che anche il lunedì aveva continuato ad avvertire una sorta di tormento, come un piccolo e continuo ronzio che gli impediva la calma e la tranquillità; aveva passato la giornata in silenzio, a sfogliare libri, a bere ancora limonata, a fare zapping con il telecomando, fino a che poi, la sera, guardando Roma-Torino con i suoi compagni, tutto si era chiarito definitivamente: Mkhitaryan aveva segnato anche questa volta e, a conti fatti, La Disparition avrebbe vinto, anche se di poco, e proprio sul filo di lana.
Avrebbe dovuto sentirsi meglio, forse, Pereyra, adesso che tutto si era compiuto e che quel peso sullo stomaco si era dissolto, ma non era così, probabilmente ci sarebbe voluto qualche giorno per tornare alla tranquillità, anche se già incombeva la prossima partita. Fu allora che, salutati i compagni di squadra, «Pereyra si alzò e se ne andò senza dire altre parole. Si sentiva molto stanco, sostiene».

La Disparition – Margot United   2-1   (72,5-70)

La Disparition 
Consigli, Lazzari, Darmian, Dimarco, Lykogiannis, Malinovskiy, Mkhitaryan, Sottil, Lozano, Boga, Barrow

Margot United

Reina, Bastoni, Ferrari (Marusic), Djimsiti, Toloi (Bremer), Pereyra, Barella, Bakayoko, Immobile, Berardi, Correa

Un pensiero riguardo “La Disparition – Il Fantacalcio senza la “e” #8”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...