Il Pallonario (25-31 gennaio)

25 gennaio. Prosegue il “tour” di Gene Gnocchi alla ricerca di una squadra di calcio che lo faccia giocare uno sprazzo di partita in serie A. Il conduttore, dopo essersi allenato con Atalanta, Bologna e Torino, oggi sarà agli ordini di Mario Beretta e si allenerà con i giocatori del Siena. Gnocchi si è candidato durante “Quelli che il calcio” a giocare almeno cinque minuti di una partita in serie A dichiarando di «essere pronto a sostenere qualsiasi prova fisica pur di giocare uno scampolo di partita». (2007)

26 gennaio. Ieri sera, presso il ristorante “Cacciatori” di Cambiano, Franco Causio e la sua  promessa sposa, Virginia Ottino, hanno salutato i dirigenti, compagni di squadre e amici nel corso di una cena. Erano presenti tra gli altri, Boniperti, Allodi, Vycpalek, Casati, Giancarlo Catella, Cavalli d’Olivola e tutti i giocatori. Causio si sposerà domani nella chiesa di Gesù Operaio, a Torino. Il bianconero raggiungerà la squadra giovedì a Siracusa. (1972)

27 gennaio.  È giunto oggi a Genova, proveniente da Rio de Janeiro, il giocatore italo- argentino Macrì che vestirà in questo stesso campionato i colori del Genova. È di statura alta e di buona complessione atletica. Il giocatore si è dimostrato non poco meravigliato per il clima, troppo rigido per i suoi abiti estivi. Il giocatore parla discretamente l’italiano ed ha avuto subito buone parole per il suo amico Verdeal. È pure giunto dall’Asmara un altro acquisto del Genova, e cioè il centro-sostegno Romeo, di cui però non si conoscono le possibilità. (1947) 

28 gennaio. L’appuntamento è di quelli che un tifoso dell’Ascoli non vorrebbe perdere: recarsi a Londra dove nel mitico stadio di Wembley la squadra del cuore disputerà la finale del torneo Anglo-italiano. Per S.L. pensarlo è stato facile, meno mettere in pratica il proposito dovendo chiedere il consenso della moglie. Va detto subito che quest’ultima non si è opposta ma, considerando che in famiglia l’unica entrata finanziaria è quella che arriva dal lavoro del marito, la donna ha pensato bene di cautelarsi condizionando la trasferta del coniuge a una polizza da un miliardo. Fidarsi è bene, ma non farlo è meglio, si è detta M.G., che ha messo nel conto previsionale il viaggio aereo e le violenze che a volte si scatenano sui campi di gioco, senza contare gli imprevisti che possono capitare così lontani da casa. Il marito, pur a malincuore per la spesa sostenuta con l’assicurazione, ha sottoscritto la polizza e si appresta a fare la valigia per la capitale britannica. Resta ragionevole il dubbio che la moglie possa ritenere vantaggioso un eventuale non ritorno del marito. (1995)

29 gennaio. In Uruguay stanno facendo i conti definitivi del colossale “giro”  ruotato attorno alla Copa de Oro. Nessun dubbio, e lo si era avvertito subito, che l’organizzazione del Mundialito si sia rivelata un affarone per la federazione calcistica uruguagia. Ma l’utile, secondo gli ultimi calcoli, si dimostra superiore a ogni previsione: ben 5 miliardi (milione più, milione meno)  sono finiti nelle casse degli organizzatori, frutto della vendita dei diritti televisivi e dei pingui incassi per le sette partite, a cui hanno assistito globalmente oltre 400.000 spettatori. Anche i giocatori vittoriosi stanno godendo i frutti di questo colossale affare: oltre ai premi in danaro, sulla cui entità esistono molte discordanze, hanno infatti ottenuto il privilegio di poter comprare un’auto nuova di zecca in Brasile senza pagare i diritti doganali che in Uruguay sono assolutamente proibitivi (ed ecco il motivo per cui, nelle strade di Montevideo, circolano autentici ruderi…). Basti dire che un’auto nuova, che in Brasile costa sui 4 milioni di lire, in Uruguay tocca i 16 milioni, quattro volte tanto. Il privilegio concesso a Victorino e soci non è quindi da sottovalutare… (1981) 


30 gennaio. Il terzino del Siracusa, Giannuzzi, è stato denunciato al Consiglio Federale  per indisciplina e scarso attaccamento ai colori sociali. Come si ricorderà il giocatore aveva subito analogo provvedimento nello scorso mese di dicembre, ma era stato in seguito perdonato dei dirigenti. Si tratta dunque di un atleta recidivo. Il consiglio del Siracusa, prima di prendere il nuovo gravissimo provvedimento, ha svolto una vera e propria inchiesta sul comportamento del giocatore. È risultato che Giannuzzi ebbe a simulare domenica scorsa a Vigevano un malanno a un ginocchio, facendosi relegare da Brezzi all’ala sinistra. Terminato l’incontro Giannuzzi si prendeva arbitrariamente, nonostante il severo divieto dell’allenatore, un giorno di permesso. Ritornata in sede la squadra, l’arto del giocatore è stato sottoposto ad accurato esame da parte dei sanitari del nostro ospedale, risultando clinicamente perfetto. Il C.D. del Siracusa, preso atto di quanto sopra e delle reiterate manifestazioni di indisciplina dell’atleta, ha deciso ieri sera di rinunciare al suo operato nell’attuale campionato e di denunciarlo definitivamente alle autorità federali. (1956) 

31 gennaio. In Italia, come abbiamo visto qualche mese fa, è sorto il Gruppo Sportivo Dalida. Poi abbiamo in giro altri club  intestati a dive o divette. Adesso si apprende che in Svizzera esiste una società di football intitolata ad una bella padroncina di una pensione. Il club si chiama FC Amelia, e la signora Amelia, la più bella donna di Basilea, è la presidentessa di questa società che è regolarmente iscritta alla Federazione del calcio svizzero. Se fosse in Italia, vincerebbe facile il massimo campionato. Infatti tutti i giocatori più forti si farebbero ingaggiare da lei. Anche gratis. (1963)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...