Il Pallonario (19-25 aprile)

19 aprile. Waldir Pereyra, il famoso Didi della nazionale brasiliana campione del mondo 1958 (in Svezia) e 1962 (in Cile), attualmente direttore tecnico dello Sporting Cristal di Lima e della nazionale peruviana, ha rifiutato una proposta che gli avrebbe fatto la Juventus per dirigere la squadra bianconera. Didi ha dichiarato ai dirigenti bianconeri che potrebbe accettare dopo i Campionati del Mondo 1970 in Messico: d’altra parte, Didi ritiene che il Perù abbia grandi possibilità di qualificarsi per la fase finale della Coppa Rimet del prossimo anno nelle partite eliminatorie con l’Argentina e la Bolivia.  (1969)

20 aprile. Prosegue l’odissea dei 35 ostaggi rinchiusi nel Boeing delle linee aeree kuwaitiane dirottato due settimane fa e ora bloccato sulla pista dell’aeroporto di Algeri. Mentre i pirati dell’aria continuano a richiedere in cambio della vita dei passeggeri la liberazione di 17 loro compagni, la nazionale di calcio del Kuwait, attualmente in Malesia per un torneo, si è offerta in cambio dei prigionieri. (1988) 

21 aprile. Secondo «il Sole 24 Ore» di ieri, il presidente Enrico Preziosi avrebbe ricevuto nei giorni scorsi una misteriosa offerta dal Kazakistan per l’acquisto del Genoa. Il patron del club rossoblù starebbe al momento cercando di approfondire la proposta, dietro la quale però potrebbe nascondersi un investitore italiano. (2013)

22 aprile. Stanotte, al rientro in sede da Milano della comitiva spallina, i tifosi del noto caffè sportivo del centro di Ferrara che abitualmente attendono la squadra al suo rientro dalle trasferte, hanno potuto apprendere dalla voce dei giocatori i particolari dell’increscioso episodio verificatosi a San Siro, al termine dell’incontro. I protagonisti della brutta avventura hanno raccontato il drammatico momento vissuto sul pullman, fino all’arrivo delle forze dell’ordine che hanno potuto disperdere i facinorosi. Il primo a rendersi conto di quanto stava accadendo è stato il professor De Sisti, il quale ha avuto la prontezza di gridare ai giocatori un concitato «Tutti a terra!». Gli uni sugli altri, gli atleti si sono sdraiati sul fondo del pullman, cercando di ripararsi dietro gli schienali dei sedili, tenendo alte sulla testa le valigie. Fortunatamente, i pezzi dei cristalli rotti non sono caduti addosso alle persone, così che tutto si è risolto con danni alle cose. Quando è tornata la calma, lo stesso professor De Sisti è sceso dal pullman e prima di lasciare San Siro ha dettagliatamente illustrato i fatti al commissario di campo. (1959) 

23 aprile. “Charlie Brown” Oreste Del Buono, in una conferenza a Bari, ha messo al tappeto il mondo del calcio, non salvando neppure l’erba verde degli stadi: tutto è artefatto, tutto è falso. Il suo è stato il grido del supertifoso truffato. Truffato dai giocatori che recitano cadute e incidenti, truffato dai tifosi non genuini che fanno “tifo organizzato”, truffato dalla stampa sportiva che riesce a far vivere quattro quotidiani di “non notizie”. Del Buono è deluso soprattutto dal pubblico da cui si aspettava una reazione di disincanto dopo i Mondiali: invece, niente, tutto come prima ad entusiasmarsi per un mondo dove c’è dilagante speculazione ai danni dei calciatori (culturalmente impreparati, sradicati dai loro ambienti, venduti come vacche, sottoposti a una sorta di lavaggio al cervello nei ritiri). Insomma, calcio-schifo per Del Buono. Dai giocatori (salvati per qualche verso, come s’è visto) ai presidenti, dagli arbitri ai giornalisti. Santa alleanza con Gianni Rivera e frate Eligio. (1975) 

24 aprile. Frank Lampard: nel passato, presente e futuro del West Ham figura questo nome. Frank Lampard senior (classe 1948) vestì la maglia degli “hammers” dal 1967 al 1985, disputando oltre 500 gare di campionato. Terzino sinistro tutta grinta, giocò due partite nella nazionale inglese. In prima squadra esordì accanto ai mitici Bobby Moore, Geoff Hurts e Martin Peters, campioni del mondo con l’Inghilterra nel 1966. Ora Lampard senior è l’allenatore in seconda del West Ham, dove gioca il figlio Frank junior (classe 1978), promettente centrocampista. Che del padre calciatore sa ben poco. «Non ricordo molto della sua carriera, solo che verso la fine stava diventando lento.» (1997)

25 aprile. Il Comitato direttivo dell’Associazione di calcio inglese dà molto da pensare ai giocatori Galerka, Law, David, Jack ed altri famosi, che stanno per accettare l’offerta di contratti da parte di società del Continente, avendo approvato la seguente risoluzione: «I giocatori sono avvisati che se prenderanno degli impegni sul Continente senza il consenso della società alla quale appartengono, che offra di trattenerli, il Comitato domanderà all’Associazione di Calcio di proibire la riammissione di tali giocatori qualora cercassero di rientrare nella Associazione. Le società continentali e qualsiasi altra che non sia sotto la giurisdizione dell’Associazione inglese di calcio, che assumessero qualche giocatore di società inglesi, saranno ritenute colpevoli di un atto non amichevole verso l’associazione, e le buone relazioni con essi cesseranno». Dato il vivo desiderio delle squadre continentali di giocare con delle squadre inglesi, senza dubbio, l’ultima frase servirà a molto, come grave minaccia contro quella che si potrebbe chiamare “la pesca dei giocatori inglesi”. (1932)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...