La disparition – Il Fantacalcio senza la “e”

di Gianvittorio Randaccio

Nel 1969 Georges Perec pubblica La disparition, un romanzo che ha una particolarità: non contiene in alcuna sua parte la lettera “e”. È, insomma, un enorme e folle lipogramma, che ha messo a dura prova anche Piero Falchetta che, nel 1995, l’ha tradotto in italiano seguendo la stessa regola, con il titolo La scomparsa.


Quest’anno per il mio Fantacalcio ho deciso seguire le tracce di Perec e ho creato una liporosa, scegliendo solo giocatori senza “e” e chiamando la mia squadra, con poca fantasia, La disparition. Non è stato facile, devo ammetterlo: non ho potuto fare offerte per Immobile, per esempio, o per Belotti, o per il Papu Gomez, ma alla fine ce l’ho fatta, anche se il mio undici titolare non parte certo con i favori del pronostico. Ho vacillato un po’, quando poco prima della chiusura del mercato mi sono accorto di avere in rosa Samir Caetano, dell’Udinese, che non si capisce se quel Caetano lì fa parte del cognome o è un nome, tipo Caetano Veloso (che però gioca nel Verona, mi sembra) e che, nel dubbio, ho preferito sostituire. Rimane aperta una questione con l’Anagrafe, che cercheremo di risolvere al più presto.

Continua a leggere “La disparition – Il Fantacalcio senza la “e””