Orgoglio Special

di Gianluca De Salve

«Mister, siete uno in più.»
Richiamato dall’arbitro cominciai a contare i miei giocatori schierati sul terreno di gioco proprio mentre Tony, simulando il volo di un aereoplanino, mi correva incontro. Nell’intervallo gli avevo promesso che sarebbe entrato ma non avevo specificato quando.facebook_1544687705215
Mancavano poche partite alla fine del campionato di calcio a 7 di Quarta Categoria, torneo Lombardia. Immischiati nella dura lotta per non retrocedere quella mattina ci giocavamo una buona fetta di salvezza. Una gara delicata, con un avvio in salita. Dopo il primo tempo eravamo sotto 2-0 ma contavo sulla reazione dei miei. L’allenamento in settimana era andato alla grande, compreso il tiramisù a fine seduta per festeggiare il compleanno di Lorenzo.
Subito dopo l’uscita trionfale dal campo di Tony, accompagnato dagli applausi di tutto il pubblico, lanciai uno sguardo d’intesa ai miei guerrieri, pronti come non mai alla battaglia.
Sulla linea di porta Joshua si stringeva i guantoni nuovi ma anche la sciarpa invernale attorno al collo: gli avevo detto di togliersela perché lo bloccava nelle uscite alte ma non aveva voluto saperne perché aveva un mal di gola insopportabile. Mi aveva comunque tranquillizzato confermandomi che le avrebbe parate tutte. Giusto dargli fiducia.
Davanti a lui la difesa a tre offriva ampie garanzie.
Sulla destra Mattia continuava a urlare: «DAI RAGAAAA». Un modo per incitare i suoi compagni, spaventare gli avversari ma, soprattutto, convincere se stesso. Il battersi i pugni sul petto stile King Kong era il passo successivo. Continua a leggere “Orgoglio Special”