Il Pallonario (8-14 marzo)


8 marzo. La Federazione Argentina Gioco Calcio, preoccupata dalla perdita di due ottimi giocatori alla vigilia del campionato Sudamericano, ha stabilito oggi di proibire alle società dipendenti di aprire trattative per la cessione di propri giocatori a società estere o ad altre società argentine. All’origine del provvedimento vi è il trasferimento di Dante Lugo del Lanus e di Antonio Garabal del Ferrocaril Oeste all’Atletico di Madrid proprio alla vigilia della partenza della Nazionale Argentina per Lima. Un caso del genere accadde ai primi dell’anno scorso allorquando Oscar Massei del Rosario Central fu trasferito alla squadra italiana dell’Inter alla vigilia del campionato Sudamericano del 1956. (1957) 

9 marzo. Ieri sera un ladro ha forzato la portiera della macchina di Roberto Rosato, il popolare calciatore del Torino, ed ha preso dal sedile posteriore una valigia in pelle contenente indumenti ed altri oggetti personali. Il mediano granata era in procinto di partire per Monza ed era molto soddisfatto perché per la prima volta nella sua carriera di calciatore – ha 21 anni – è stato convocato per la Nazionale in vista dell’incontro di sabato prossimo con la Germania. Ieri sera, cedendo all’insistenza degli amici e dei compagni di gioco, aveva acconsentito a recarsi, in compagnia della giovane moglie in attesa di un bimbo, a casa del compagno di squadra Giorgio Puja che festeggiava il ventisettesimo compleanno. Ha  parcheggiato la macchina in lungo Po Antonelli, in una zona illuminata. Quando è uscito, verso le 22, ha avuto la spiacevole sorpresa di vedersi derubato. (1965) 

10 marzo. Cinque domande a Puskas. 1) Se lei non fosse Puskas, chi vorrebbe essere? Kocsis. 2) Perché è più forte di lei nel gioco di testa? No, perché è più forte di me nella data di nascita. 3) Qual è stato il più bel passaggio della sua carriera? Quello attraverso la frontiera austro-ungarica. Anche se finora nessuno l’ha trasformato in gol. 4) Se potesse venire ingaggiato in Italia in quale squadra vorrebbe giocare? Nella Juventus. 5) Perché è la squadra di Charles? No, perché è la squadra di Agnelli. (1958) 

Continua a leggere “Il Pallonario (8-14 marzo)”

Il Pallonario (22-28 giugno)

Stampa


22 giugno.
Ultimo saluto per Hughie Gallacher, uno dei grandi calciatori scozzesi del passato, trovato morto lo scorso 11 giugno lungo un tratto di binario presso Gateshead. Aveva 54 anni. Si ignora se si tratti di disgrazia o di suicidio. Gallacher doveva comparire nei prossimi giorni dinanzi al tribunale di Gateshead per rispondere dell’accusa di maltrattamenti nei confronti del figlio Matthew, di 14 anni. Gallacher aveva ricoperto il ruolo di centravanti nelle seguenti squadre: Airdrieonians, Newcastle (vincendo il campionato del 1927), Chelsea, Derby County, Notts County, Grimsby Town e Gateshead. Ha disputato venti partite con la nazionale scozzese, segnando 23 reti.  (1957)

23 giugno. Il Pibe de Oro è in piena forma. Spuntano delle foto che risalgono alla visita di Maradona, pochi giorni fa, a Novi  Vinodolski, in Croazia. Dove l’ex calciatore argentino ha giocato a tennis con Goran Ivanisevic in un incontro per beneficenza e ha mostrato soddisfatto un ritratto che gli era stato fatto. Appena tornato in  patria Maradona ha poi ricevuto dal Senato argentino il premio “Domingo Faustino Sarmiento”, assegnato ogni anno a chi si distingue nel campo benefico.  (2005)

24 giugno. martin“Sono sempre il più in gamba di tutti”, ha dichiarato Gianfranco Zigoni commentando a Verona l’esibizione degli azzurri contro gli olandesi del Feyenoord. Estroso e imprevedibile come sempre, Zigoni non ha bluffato sulle virgole ma sulle maiuscole. Ha infatti allacciato un tenero flirt con Cristina Gamba, una giovane cantante veronese. La scintilla è scoccata al “Gran Can” di Pedemonte, nel corso di una festa data dall’orafo scultore Alberto Zucchetta, spalla di Salvetti a Sanremo e al Festivalbar. Gianfranco e Cristina non si sono lasciati un istante e in seguito hanno continuato a vedersi al Mokador di Giorgio Bissoli, il “salotto” di Verona. A Telemontecarlo, ospite di Jocelyn,  la giovane cantante – che tre anni fa al Disco per l’Estate aveva vissuto un momento magico con Peccato – ha presentato Liberi e Ma che pazza che sono. (1977)

25 giugno. Manchester United alla ribalta della cronaca. Non per risultati sportivi ma per l’amore scoppiato tra il suo manager, il popolare Tommy Docherty, e Mary Brown, la moglie del medico della squadra. In società nessuno vuole parlare della vicenda. Convocata una riunione del Consiglio direttivo che si terrà al rientro di Matt Busby dalle vacanze. Pare escluso che Docherty possa restare allo United anche perché il Derby County si è fatto avanti offrendogli un contratto di 5 anni a 120 mila sterline. Il posto di Docherty dovrebbe andare a Ian Graves, pupillo di Matt Busby.  (1977) Continua a leggere “Il Pallonario (22-28 giugno)”