La Disparition – Il fantacalcio senza la “e” #3

di Gianvittorio Randaccio

Prima della terza partita di campionato ho detto ai miei ragazzi che, proprio come domenica scorsa, è dalla panchina che arrivano i maggiori pericoli da parte dei nostri avversari Fitronc United. È lì infatti che sta buono buono, in attesa di entrare, il signor Bonaventura, da quest’anno diventato centrocampista della Fiorentina, uno che con i suoi distici ottonari riesce a volgere al meglio anche le situazioni più intricate, risultando sempre vincitore. Aggredito da un toro, o investito dalla lava di un vulcano, o ancora in mezzo a una tempesta, il signor Bonaventura non si scompone mai e, in rima baciata, finisce sempre per intascare il suo milioncino di lire: se fosse stato un buon risparmiatore avrebbe potuto comprarsi una squadra di calcio vera e chissà che campioni avrebbe ingaggiato. Ragazzi, ho detto, anche se andiamo in vantaggio, non vi rilassate, il signor Bonaventura in una o due vignette vi fa secchi, e addio premio partita.


La mia squadra, alla fine, mi ha ascoltato e anche questa domenica La Disparition può festeggiare un rotondo 3-0 grazie soprattutto alla tripletta di Mkhitaryan, il mio talismano scioglilingua. Negli spogliatoi, dopo un sobrio festeggiamento, per burlarci un po’ del signor Bonaventura, abbiamo composto questa breve filastrocca, recitata poi in sala stampa.

Continua a leggere “La Disparition – Il fantacalcio senza la “e” #3″