Il Pallonario (14-20 settembre)

Stampa

14 settembre. Giornata movimentata per Carlitos Tevez, talento argentino protagonista all’Olimpiade di Atene. È un suo gol a permettere al Boca Jrs di battere 2-1 il Gimnasia La Plata e conservare la vetta del campionato insieme al River Plate, vittorioso sul Racing. Nella notte tra domenica e lunedì, però, per l’attaccante arriva anche una denuncia per aggressione a un fotoreporter e furto della sua macchina fotografica, poi restituita senza rullino. Tevez non ha gradito di essere immortalato all’uscita di una discoteca insieme all’attrice argentina Natalia Sassi, ma il suo gesto ora potrebbe costargli caro. (2004) 

tevez

15 settembre. Giovanni Lodetti, 22 anni, milanese di Caselle Lurani, non passa per un cannoniere. La stagione scorsa, nel Milan, disputò 24 partite andando in gol una sola volta. Quest’anno ha sorpreso tutti, facendo secco Vavassori dopo appena 47 secondi di gioco: primo gol del campionato. Sarà bene precisare tuttavia che, in materia, i 47 secondi di Lodetti non fanno primato assoluto. Sandrino Mazzola nel derby milanese del 24 febbraio 1963 aveva battuto Ghezzi a 13 secondi dal fischio d’avvio. Non solo: anche come prima segnatura di un campionato, qualcuna ha fatto meglio di Lodetti. Miguel Montuori, a Udine, nella prima giornata del campionato 1956-57 era riuscito a segnare un gol ai bianconeri dopo 18 secondi di gioco. La gara di San Siro, ospite il Catania, ha avuto – almeno in fatto di realizzazioni – un esito sconcertante, che ha ben pochi precedenti, con la squadra di casa che segna dopo 47 secondi e con gli ospiti che raggiungono il pari al novantesimo. Quanti, dei ventimila spettatori presenti, hanno visto i due gol? Per chi va allo stadio in anticipo e in anticipo lo lascia, era un 1-0; chi è andato in ritardo ed è rimasto sugli spalti sino al novantesimo ha visto lo 0-1; peggio per la… maggioranza che entra in ritardo ed esce in anticipo: qui si è trattato addirittura di uno 0-0! (1964)

Continua a leggere “Il Pallonario (14-20 settembre)”