Portieri in versi

di Fernando Acitelli

RICARDO MARTINES ZAMORA

A Figueras, Dalì
scomponeva orologi
e visibili rendeva
coi pennelli
gli occhi di cammelli
sullo sfondo.

Fantasmi e ombre
aiutavano la mano,
svilendo geometrie
e calcoli.

Surreale nel basco,
quasi salottiero in campo,
Zamora difettava nella misura
se «presuntuoso» da palo a palo
volava, incontrando tra folle d’angeli
palloni in cerca d’una gloria
per nulla celeste.

zamora

Continua a leggere “Portieri in versi”

San Sir l’era ‘n cadìn

di Franco Loi

Sansir l’era ’n cadìn d’èrba e culur,loi
ch’i giugadur pareva ch’je tucàvum
tant’eren vìv i maj, bèll el balun…
L’Inter l’era quèla del Franzosi,
cul Marchi, Passalacqua, Campatell,
e nüm del Milan serum quatter bamba
cul Toppan, l’Antunin, Boffi e Russett…
El Boffi l’era el squiss de la pesciada,
e chèl dì lì ghe l’èm d’incurnisàl.
La maja nerazürra tütt’in sciambula
Ch’in mezz al camp i pé eren un roch…
Sul vün a zero sèm giamô a la büsca,
e quan’ che l’entra el Boffi sèm a tocch,
che lü ’l durmiva sü la riga bianca
e inturna recamàven süj brelòcch…
Ma ’riva un bèl balun… Tuca de dester,
e giò ’n sinister che nissün le véd…
Sansir se slarga, dervum i fenester.
Ma chì a Milan, se sa, l’Inter fa efétt:
el Giorgio schisc, el Berto che ’l baüscia,
el mund par che se ferma:l’è ’n balett
de gam e de müdand, ché ’l verd je sciscia
e pö je spüa nel giögh fâ de culur:
e l’è amô l’Inter, che là ’n fund ghe schiscia
e nüm ch’a tegnì ’l fiâ sèm un buttun…
Sèm denter in quj strasc del temp ch’eterna
fann l’umbra che l’è l’ànema del munf
e nüm e i giügadur e quèla scèrna
de cu e de brasc e vus di gradinâd
sèm denter l’aria che ne l’aria ferma
quèll frull de gomma che slisa tra j pesciâd…
Ma ’l Boffi ’l smarca föra ’na legnada
ch’al bun Franzosi in vul ghe sversa i man.
Se fa piscìn el camp, e a scalinada
se slarga el ciel nel vent fâ de bander…
I russuner în svamp che fann lambada
e i nerazürr se sfann ’me föj al vent.
L’è stâ ’n tri a vün de fa tremà i curtìl,
’na samba de dà föra i sentiment,
un tram che mai fenìvum de cantà,
Sansir ch’ai noster spall tegniva el temp,
Milan che pien de strâd l’era un ciamà.

Continua a leggere “San Sir l’era ‘n cadìn”

Alfonso Gatto e il Fantacalcio

di Gianvittorio Randaccio

L’altra sera sfogliavo qualche pagina degli scritti del poeta Alfonso Gatto, contenuti in La palla al balzo, pubblicato da Limina nel 2006. In questo libro sono raccolti gli articoli sul calcio che Gatto ha scritto a metà anni Settanta per «Il Giornale» di Montanelli: pezzi lucidi, smaliziati, mai banali, in cui si parte dal pallone per arrivare quasi sempre altrove. la-palla-al-balo-1
A un certo punto, come capita spesso quando uno è sdraiato e l’ora è tarda, mi sono addormentato, e ho cominciato un sogno: ho sognato che stavo organizzando un torneo di Fantacalcio, e che avevo bisogno di un partecipante, l’ultimo, per chiudere la lista delle rose. E nel sogno mi rivolgevo proprio ad Alfonso Gatto, di cui ho visto solo qualche foto e di cui mai ho sentito la voce. Pensavo, ingenuamente, che la sua passione calcistica lo avrebbe facilmente portato ad accettare la mia richiesta e che, anzi, mi sarei vantato a lungo con i miei amici per questo colpo: pensate, avrei detto loro, un vero poeta fantacalcista, pronto a tutto pur di vincere per mezzo punto all’ultimo minuto. Ma il sogno ben presto mi riportava all’amara realtà, quella che traspare chiaramente dalle pagine de La palla al balzo. Alfonso Gatto non ne vuole sapere del Fantacalcio, questa cosa dei giornalisti che danno i voti ai calciatori, anzi, gli sta proprio sullo stomaco, fin dagli anni Settanta. «Armati di bilancine e di mezzi punti, gli stessi cronisti si impancano a giudici. Esaurito il proprio chilometrico resoconto critico e narrativo, essi hanno ancora da additare gli ottimi, i buoni, gli insufficienti e i così-così, con l’aria di intenditori che assaggiano il vino con gli occhi e col naso, ma dopo averlo già bevuto»: così scriveva in Voti e pagelle, a pagina trentanove, criticando aspramente la cosa che più piace al fantacalcista, ovvero il voto, il giudizio espresso con un numero, la valutazione matematica, che da sola costituisce l’anima di una partita virtuale. Continua a leggere “Alfonso Gatto e il Fantacalcio”