Piccolo spazio, pubblicità

di El Pampa

Fin da subito professionistico, il calcio in Inghilterra e nei paesi del Regno Unito vide apparire il primo sponsor su una maglia solo nel 1976, e grazie a uno stratagemma. Fu il Kettering Town a introdurre la novità e da quel momento le maglie dei calciatori non furono più le stesse. kettering-town-celebrates-40th-anniversary-of-shirt-sponsorship-deal
Derek Dougan, giocatore-allenatore nonché amministratore delegato della squadra della città, circa centodieci chilometri a nord di Londra, fu la persona che intravide la possibilità di aggirare le norme che impedivano qualunque scritta sulle magliette indossate in campo. Dougan, con un passato calcistico importante alle spalle, era infatti stato nazionale nordirlandese, aveva militato in compagini della massima serie e aveva avuto anche una breve esperienza nel calcio Made in USA. Inoltre aveva ricoperto dal 1970 al 1978 il ruolo di presidente dell’associazione dei calciatori inglesi, riuscendo a ottenere importanti conquiste contrattuali.
Oltre a lottare per i diritti dei colleghi, aveva intuito che il calcio aveva bisogno di nuove forme di sostentamento e la sponsorizzazione legata ai club poteva essere la prima soluzione. Così quando scese di categoria, passando dal professionismo a una lega dilettante, la Southern League, corrispondente al 7° livello del calcio inglese, trovò l’accordo con un’azienda locale specializzata in pneumatici, la Kettering Tyres, per siglare un contratto di sponsorizzazione di ben quattro anni.
In cambio sarebbe stato apposto sulla maglia, in maniera ben visibile, il nome dell’azienda e il 24 gennaio 1976 il Kettering scese in campo con le nuove divise contro il Bath City.
La federazione però non accettò la decisione e ordinò alla dirigenza di rimuovere la scritta; Dougan allora provò con un escamotage, accorciando la scritta in “Kettering T”, giustificandolo con il riferimento alla T di Town.
Non fu sufficiente e venne ordinato nuovamente, pena la multa di mille sterline, di rimuovere qualunque messaggio fuorviante. Ormai il sasso era stato lanciato; per sostenere le spese sempre più ingenti del mondo del calcio, occorreva aprire le porte agli sponsor.
L’anno seguente così la federazione decise di liberalizzare la presenza di scritte e marchi sulle divise ufficiali: gli scozzesi dell’Hibernian furono il primo club professionistico a adottare uno sponsor e da quel momento iniziò una nuova era.
Tuttora la Kettering Tyres è attiva nella città di circa cinquantamila abitanti mentre il club, in occasione del quarantesimo anniversario, è sceso in campo con la divisa utilizzata quel giorno fatidico e ha fissato il prezzo del biglietto d’ingresso a una sterlina, lo stesso di quel 24 gennaio.